Comune di Samo » Conosci la città » Il Patrono

Il Patrono

Il Patrono del Comune è San Giovanni Battista

 

PARROCCHIA SAN GIOVANNI BATTISTA

La tradizione religiosa degli abitanti di Samo affonda le sue radici nella grecità più antica e si rinvigorisce durante l'occupazione bizantina, quando le città dell'estremo sud d'Italia tornano a vivere fermenti di cultura e di speculazione filoso-fica, soprattutto ad opera dei monaci basiliani. Infatti a Samo si forma nell'VIII se­colo un cenobio di monaci di S. Basilio, che, provenienti dal lontano Oriente, dove imperversa l'eresia iconoclasta, qui trovano asilo sicuro, tranquillità e pace. Tale ce­nobio rimane attivo fino alla fine del XV secolo quando dal rito greco si passa a quello latino, e quando la sua piccola Badia passa in commenda all'arciprete di Precacore. A Samo vengono erette numerose chiese di cui, purtroppo, non resta a alcuna traccia: S. Leo, S. Domenica, S. Caterina, S. Lucia, S. Marina, ecc. La chiesa oggi esistente è la parrocchia dell'Annunziata che, prima della definitiva sistemazione, ha subito, nel corso dei secoli, molte vicissitudini. Dopo il terremoto del 1908 è trasferita da Precacore nell'attuale Samo e precisamente in Piazza Municipio, ma le intemperie presto la distruggono, perché è una semplice racca di legno. Si decide allora, col beneplacito del barone di Roccella, di spostare la parrocchia nella chiesa di sua proprietà, ubicata accanto al suo palazzotto ove si trova tuttora. La sua struttura, negli anni trenta, è modificata grazie all'interessamento del canonico Giustino Moio. Agli inizi degli anni settanta altri la di ristrutturazione sono proposti da don Gioacchino Bonfà e don Carmine Morabito; dal 1991 è retta da padre Claudio Cantù, missionario dell'ordine dei Mojtani. Oggi la chiesa sorge con una tipologia edilizia molto semplice: navata unica di di forma rettangolare, tetto a finte capriate rivestite in legno, presbiterio articolato volumetricamente, esterno con pronao e due porte laterali. All'interno si possono ammirare: l'altare abbellito da tre mo­saici che ricordano episodi della vita di S. Giovanni Battista; il battistero in pietra di Capo d'Armi, dietro al quale c'è un mosaico che riproduce una cerva che "anela ai corsi delle acque"; il leggio decora­to con mosaici che rappresentano i quattro evangelisti ed il Crocifisso in legno.

IL SANTO PATRONO

Giovanni Battista annunciò più volte di riconoscere in Gesù il Messia annunciato dai profeti, ma il momento culminante è quello in cui Gesù stesso volle esserebattezzato da lui nelle acque delGiordano; in quell'occasione Giovanni additò Gesù ai suoi seguaci come "l'agnello di Dio che toglie i peccati del mondo" (Giovanni1,29). Tuttavia risulta che molti continuarono a dirsi seguaci del Battista ancora a lungo, e non è certo che tutti abbiano poi aderito alla Chiesa cristiana. (FONTE - http://www.tuttosamo.it/chiesasamo/)

Samo

 

        Comune di SAMO (RC) -Tel. 0964 - 977022 - Fax 0964-977305 (1910884)PEC - protocollo.comunedisamo@asmepec.it

  •                                                mail:   protocollo@comune.samo.rc.it    -   demograficisamo@libero.it  -  utcsamo@libero.it                                                                                                       
                                                                                      P.iva 01015640806  -   C.F.  81002530806                     
      

         

   
  

HTML 4.01 Valid CSS
Pagina caricata in : 0.119 secondi
Powered by Asmenet Calabria